sabato 3 marzo 2012

Empedia, un’enciclopedia empirica basata sugli articoli di Wikipedia

Empedia è un nuovo progetto, realizzato dall’omonima startup svedese, che consiste in un’enciclopedia empirica basata sull’esperienza di Wikipedia. Il portale recupera i contenuti dal database di Wikimedia e aggiunge agli articoli delle funzioni interattive per l’approfondimento degli argomenti. Supplisce alle carenze di Wikipedia.
L’originale Wikipedia, infatti, ammette le discussioni sui contenuti in una sezione dedicata agli editori per il miglioramento del servizio. Empedia non intende alterare gli articoli di Wikipedia: le funzionalità aggiuntive che propone servono, piuttosto, a offrire uno strumento di confronto sull’esperienza maturata dai vari utenti.
Prendiamo, ad esempio, l’articolo su TechCrunch: uno dei blog statunitensi più influenti sulle novità tecnologiche. Empedia permette di commentare i contenuti, aggiungere sondaggi che riguardino l’esperienza su TechCrunch e aggiungere ulteriori immagini sulla galleria fotografica dell’articolo segnalando le modifiche agli iscritti.

Ogni argomento può essere “seguito” dagli utenti per ottenere una notifica delle novità, informazioni sui sondaggi correlati, dettagli sull’apprezzamento degli altri iscritti al proprio contributo. Empedia, in sostanza, aumenta le possibilità d’interazione offerte dal sistema delle Community Page che è stato realizzato da Facebook.
Queste ultime sono delle pagine dedicate ad argomenti generici o di pubblica utilità, presenti sul social network di Mark Zuckerberg per consentire il “like” di determinate attività: ad esempio, la Cottura. Empedia sfrutta lo stesso concetto, sempre recuperando i contenuti da Wikipedia, estendendolo ad argomenti molto più specifici.
Empedia è stata lanciata appena da un paio di settimane ed è considerata tuttora in fase sperimentale. L’iscrizione è aperta al pubblico e ammette l’utilizzo di Facebook Connect per registrare un profilo in pochi clic. È, assegnandole un’altra definizione, un social network della conoscenza: ricorda i servizi di domande e risposte.
Via | TNW
 (da www.downloadblog.it )